Pubblicazioni

Villa Adriana - Mosaici, pavimenti, edifici
L'Erma di Bretschneider, 1991 (pp. 776, 64 tavole, 109 piante, 64 illustrazioni)

E' la prima schedatura sistematica della Villa Adriana, con capitoli dedicati ai singoli edifici, dei quali si riassume la storia degli scavi, degli studi e dei restauri. Ogni ambiente ha una sua scheda che elenca la tecnica costruttiva, la decorazione, lo stato di conservazione e i restauri, la destinazione d'uso, gli impianti idrici e termici. Il volume studia inoltre la funzione degli edifici basandosi sulle gerarchie decorative che permettono di identificare una zona nobile riservata all'Imperatore, una zona secondaria per il personale di rango ed una terza zona di servizio per gli schiavi, prevalentemente sotterranea. Pubblica i pavimenti in opus sectile, mosaico ed altri materiali visibili in tutte le parti allora accessibili della Villa, censisce e classifica i resti di decorazione parietale ed elenca le sculture rinvenute nei singoli edifici.
Link: www.lerma.it

Le ville romane della X Regio, Venetia et Histria
Catalogo e carta archeologica degli insediamenti rurali dalla fine della repubblica al tardo impero. L'Erma di Bretschneider 1999 (pp. 973, 291 tavole, con 20 cartine)

La scoperta della Valle Padana ebbe per Roma la stessa importanza che la scoperta dell'America ebbe per l'Europa. Aprì nuovi orizzonti e rese possibile una rapida crescita economica che fu la solida base di partenza per il diffondersi dell'egemonia romana dapprima in Italia e poi in Europa e nel Mediterraneo. Il libro censisce 576 ville, e partendo dalle loro caratteristiche ed impianti produttivi ricostruisce la storia economica della regione. Al centro del sistema economico romano – che verrà poi esportato in tutti i territori conquistati - erano le ville, i loro prodotti, la centuriazione e le città; e intorno la rete viaria, i fiumi navigabili, i porti marittimi e fluviali che consentivano ogni tipo di commercio.
La storia dei romani nella Venetia et Histria iniziò nei tempi epici delle prime colonie romane del III sec. a.C., continuando nell'età dell'oro augustea per poi arrivare ai difficili anni del "declino e caduta" dell'Impero romano. Si scoprono nuove prospettive sulle ville e la loro economia, che fu attiva anche nel III e IV sec. d.C.
Link: www.lerma.it

"Mosaici"
in La Villa Romana dell'Osservatorio Astronomico di Monte Porzio Catone, a cura del Gruppo Archeologico Latino, Roma 2000, p. 71-74.

Breve schedatura dei mosaici rinvenuti durante lo scavo della cd. Villa Matidiae presso l'Osservatorio di Monte Porzio Catone (Roma).

Ville dell'Agro romano
Monografie della Carta dell'Agro 2 (pp. 564, illustrazioni e piante in bianco e nero, 70 tavole a colori, una cartina topografica).

Il libro scheda cento ville del territorio attorno a Roma, scegliendo quelle meglio conservate per studiarne la planimetria e comprenderne la tipologia. Ogni villa ha la sua scheda che elenca tecniche edilizie, fasi costruttive, datazione, decorazione, impianti termali, idrici e produttivi, rinvenimenti ed infine discute l'edificio ed il suo significato. Lo studio statistico di questo gruppo di ville permette di comprendere molte cose sul modo in cui erano costruite e sul loro funzionamento. In particolare diventa evidente che le cosiddette ville di otium, esclusivamente dedicate alla meditazione e al lusso, erano pochissime, in pratica solo le grandi ville monumentali a padiglioni, come quella dei Quintili sulla via Appia. Le altre ville avevano tutte una parte residenziale con semplice decorazione, strettamente connessa con una parte produttiva con torcularia, fornaci ecc.. Ciò significa che le ville avevano come scopo primario la produzione di derrate agricole ed altri beni da vendere sui mercati locali e soprattutto nella vicina Roma. Il libro dà un nuovo contributo alla questione dell'economia schiavistica e del lavoro schiavile, e mostra come ville siano rimaste attive ben oltre quel II-III sec. che per lungo tempo è stato considerato il momento della 'fine del sistema della ville' in Italia.
Link: www.lerma.it

Continuatio e renovatio nella villa Adriana di Tivoli
in Continuatio et Renovatio (Siri Sande et Lasse Hodne eds.). Institutum Romanum Norvegiae. Acta ad Archaeologiam et Artium Historiam Pertinentia, volumen XX, n.s. 6, 2006, pp. 79-103.

Viene evidenziato il rapporto di continuità che la Villa Adriana ebbe con l'architettura dinastica persiana ed ellenistica e, soprattutto, con l'architettura romana delle residenze imperiali, delle domus e delle ville. La continuatio consisteva nell'impiegare nella villa tiburtina elementi tratti dal repertorio tradizionale romano in materia di architettura e decorazione, come l'atrio, la basis villae, la grotta, il ninfeo, i mosaici ed i sectilia. La renovatio stava invece nell'uso innovativo che si fece di tali elementi, che vennero liberamente rielaborati. Ecco così che a Villa Adriana abbiamo un esempio di grotta 'reale', gli Inferi (ereditati dalla villa repubblicana), e poco lontano una grotta 'virtuale', il Canopo, che mostra l'evoluzione dell'elemento 'grotta', topos tradizionale del giardino romano.
Quindi, nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma nell'architettura di villa Adriana e in seguito nell'architettura rinascimentale e moderna che prese a modello proprio la villa imperiale tiburtina.

M. De Franceschini, A.M. Marras, Progetto AcCADemia nella Villa Adriana di Tivoli.
Le gallerie sotterranee di servizio: confronto e verifica delle piante antiche e moderne mediante indagini geoelettriche
in www.fastionline.org/docs/FOLDER-it-2009-155.pdf

L'articolo, pubblicato nei Folder dei Fasti Online, deriva dal Poster presentato al XVII Congresso Internazionale di Archeologia Classica "Incontri tra Culture nel Mondo Mediterraneo Antico", tenutosi a Roma dal 22 al 26 settembre 2008.
Con le moderne tecniche della geofisica, che operano in modo non invasivo e non distruttivo, è stato possibile 'vedere' sottoterra e ricostruire il tracciato di una delle gallerie sotterranee di servizio dell'Accademia. Punto di partenza per la ricerca sono state le piante antiquarie di Contini (1668) e Piranesi (1781) che ne attestavano l'esistenza, e alcune piante più recenti. I risultati del rilievo hanno confermato la precisione della pianta di Piranesi, aprendo nuove strade per la ricostruzione e lo studio dei percorsi sotterranei dell'edificio.

M. De Franceschini, A.M. Marras
La riscoperta dei percorsi sotterranei dell'Accademia mediante indagini geofisiche
in Villa Adriana. Una storia mai finita. Novità e prospettive della ricerca. Roma 2010 pp. 105-112 Catalogo della mostra nell'Antiquarium del Canopo di Villa Adriana 1° aprile -1° novembre 2010

M. De Franceschini, G. Veneziano
Villa Adriana. Architettura Celeste. I Segreti dei Solstizi.
Rirella Editrice 2016 (pp. 250, 180 illustrazioni).
Link: in vendita su Amazon

Non c'è bisogno di andare a Stonehenge in Inghilterra, ad Abu Simbel in Egitto o a Chichen Itza in Messico per vedere le magie luminose dei Solstizi e degli Equinozi. Esistono anche in Italia, nella Villa Adriana di Tivoli, e funzionano ancora. L'imperatore Adriano può ancora stupirci con straordinari fenomeni luminosi che si verificano nell’Accademia e a Roccabruna soltanto durante i Solstizi. Questo libro vi farà scoprire un nuovo e affascinante ambito di ricerca sul significato dell’architettura romana e sulla potenza simbolica della luce del Sole.


M. De Franceschini
Villa Adriana. Accademia. Hadrian's Secret Garden.
Fabrizio Serra Editore 2016 (pp. 240, 261 illustrazioni, 5 piante).
Link: in vendita su LibraWeb

Villa Adriana vicino a Tivoli (Roma) è la più grande e famosa villa romana imperiale e non ha bisogno di alcuna presentazione. Ma il sito dell'Accademia sì, perché si trova in una proprietà privata, nella parte meridionale della Villa, non è aperto al pubblico ed è molto poco conosciuto e studiato. Questo è il motivo per cui l'autrice ha deciso di focalizzare su di esso la sua attenzione, utilizzando per la prima volta una tecnologia digitale e una tecnica a scansione laser per tracciare una nuova pianta aggiornata e scoprire la configurazione dell'area. Dopo questa indagine, il punto di partenza del lavoro è stato rappresentato dalla lettura di precedenti fonti e studi antiquari e dalla raccolta di mappe e disegni antichi, per vedere che cosa era stato fatto e analizzato in precedenza: uno straordinario viaggio tra i più grandi artisti di tutti i tempi, che hanno visitato e studiato l'Accademia e il resto della Villa.
Questo è il modo e il motivo per cui il volume è nato: raccontare la storia del palazzo e delle sue opere d'arte, e parlare degli artisti eccezionali, antiquari e architetti, che vi hanno studiato e sono stati ispirati dalle sue imponenti rovine. Riscoprire questo luogo è anche importante per capire la natura di una struttura che alcuni studiosi hanno creduto essere stata una villa all'interno della Villa, e precisamente la residenza della moglie di Adriano, Vibia Sabina. Dato che di questo non ci sono prove, è ancora maggiore l'importanza di sapere di più su un sito che, benché mal conservato, può ancora rispondere a domande circa la sua vera natura e connotazione. La scelta dell'autrice di scrivere in lingua inglese si propone lo scopo di ampliare la conoscenza e aprire al mondo intero l'analisi di un monumento importante come nessun altro, che da diversi decenni ha un posto di eccellenza all'interno del patrimonio mondiale UNESCO.





Convegni


Marina De Franceschini
"Piante antiche e tecnologie moderne nell'Accademia della Villa Adriana di Tivoli (Roma)"
Presentazione a Berna (Svizzera), International Conference: Historic Maps and Imagery for Modern Scientific Applications, Berna, 28-30 novembre 2008. (http://maps.unibe.ch) vedi: De Franceschini 2009a

Marina De Franceschini - Anna Maria Marras - Umberto Pavanello
"Progetto AcCADdemia. Confronto delle piante antiche e moderne dell'Accademia di Villa Adriana attraverso un survey geoelettrico".
Poster presentato a Roma (Italia), XVII Congresso Internazionale di Archeologia Classica, sul tema "Incontri tra Culture nel Mondo Mediterraneo Antico", Roma, 22-26 settembre 2008.
(http://www.fastionline.org/docs/FOLDER-it-2009-155.pdf)

Marina De Franceschini - Anna Maria Marras
"New Discoveries with Geophysics at Hadrian's Villa near Tivoli, Rome (Italy)".
Presentazione a Vienna (Austria), European Geosciensces Union - General Assembly 2009. Gi9 - Near surface geophysics for the study and the management of historical resources: past, present and future, Vienna, 23 aprile 2009. (http://www.adv-geosci.net/24/3/2010/adgeo-24-3-2010.pdf)

Marina De Franceschini
"Accademia Pilot Project in Hadrian's Villa near Tivoli (Rome, Italy): problems in archiving ancient and modern data".
Presentazione a Vienna (Austria), 14° Workshop Archäologie und Computer 2009. Museen der Stadt Wien, Vienna, 16-18 novembre 2009. (mostra PDF)

Marina De Franceschini
“Archeoastronomia nella Roma di Augusto e di Adriano: l’Horologium Augusti ed il Pantheon”
in Atti del 12° Seminario di Archeaoastronomia Alssa, Genova 17-18 aprile 2010, pp. 10-35 (http://www.archaeoastronomy.it/Atti_12_seminario.pdf)

Marina De Franceschini - Giuseppe Veneziano
"Architettura Celeste nella Villa Adriana di Tivoli"
Presentazione al X Convegno S.I.A. (Società Italiana di Archeoastronomia), Trinitapoli (Bari) 22-23 ottobre 2010.

Marina De Franceschini - Giuseppe Veneziano
"Architettura Celeste nella Villa Adriana di Tivoli"
13° Seminario di Archeaoastronomia Alssa, Genova 9-10 aprile 2011.
(http://alssa.altervista.org/Documenti/Seminari/13/02 - Architettura celeste Villa Adriana.pdf)

Marina De Franceschini
"Archeoastronomia nell’antica Roma: il Mausoleo degli Equinozi"
Presentazione al XI Convegno Nazionale della Società Italiana di Archeoastronomia, Bologna, 28-29 ottobre 2011, Marzabotto (Bologna) 30 ottobre 2011.

Marina De Franceschini
"Uno straordinario puzzle musivo nell'Accademia della Villa Adriana di Tivoli"
Presentazione al XVIII Colloquio dell’Associazione italiana per lo studio e la conservazione del mosaico (Aiscom), Cremona 14-17 marzo 2012.

Marina De Franceschini
"Orientamenti equinoziali nel Mediterraneo: il tempio preistorico di Mnajdra a Malta e il Mausoleo degli Equinozi a Roma"
Presentazione al 14° Seminario di Archeoastronomia dell’Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici (ALSSA), Genova 24-25 marzo 2012.
(http://alssa.altervista.org/Documenti/Seminari/14/02 - Orientamenti equinoziali nel Mediterraneo.pdf)

Marina De Franceschini - Giuseppe Veneziano
"Architecture and Archaeoastronomy un Hadrian’s Villa near Tivoli, Rome"
Presentazione alla Conferenza Internazionale Nexus 2012, Relationships between Architecture and Mathematics, Politecnico di Milano, 11-14 giugno 2012.

Marina De Franceschini - Giuseppe Veneziano
"Archeoastronomia nelle ville imperiali romane: villa Jovis a Capri"
Presentazione al XII Convegno della Società Italiana di Archeoastronomia, Albano Laziale 5-6 ottobre 2012.

Marina De Franceschini - Giuseppe Veneziano
Conferenza "Villa Adriana. Architettura Celeste e segreti dei Solstizi"
Ciclo di incontri all'Auditorium dell'Acquario di Genova: Archeoastronomia: l'immaginario celeste nelle pietre del passato, Genova 31 ottobre 2012
Presentato dalla prof. Gioia De Luca, già professore ordinario di Archeologia dell'Università di Genova.

Marina De Franceschini - Giuseppe Veneziano
"Archeoastronomia nelle ville imperiali romane: villa Jovis a Capri"
Presentazione al XV Seminario di Archeoastronomia dell’Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici (ALSSA), Genova 13-14 aprile 2013.

Marina De Franceschini
"Villa Adriana, Accademia. I mosaici di monsignor Furietti"
Presentazione al XX Colloquio Aiscom, Roma 19-22 marzo 2014.