Untitled 1
VILLA ADRIANA di MARINA DE FRANCESCHINI

CENTO CAMERELLE



Le grandi sostruzioni del Pecile, destinate agli schiavi

CENTO CAMERELLE
Descrizione

Per realizzare la grande piazza del Pecile fu necessario costruire delle enormi sostruzioni, che in alcuni punti sono alte più di 15 metri.
Un primo tratto (a) si estende sotto i lati ovest e sud della piazza. In corrispondenza del torrione (b) le sostruzioni cambiano orientamento e proseguono per un lungo tratto (c) fino a raggiungere il Vestibolo (n. 49).
Sostengono un altro grande terrazzamento panoramico che va dall’Edificio con Tre Esedre al Vestibolo, dal quale la vista spazia sulla campagna circostante, e si vede l’ingresso principale della Villa, l’Anello Basolato (47).

Lungo le Cento Camerelle passa un’altra strada basolata più strettta (d) che termina a lato del Vestibolo, entrando in una galleria che immetteva nei percorsi sotterranei di servizio. Un muro la separava dall’Anello Basolato, quindi erano due percorsi diversi (n. 47).



CANTO CAMERELLE ANGOLO RACCORDO.png

Veduta aerea delle Cento Camerelle

Le Cento Camerelle sono costruite come le Sostruzioni del Pretorio (n. 39): avevano un muro di fondo verso il terrapieno ed una serie di muri disposti a pettine, ad angolo retto, che servivano come contrafforti.
Gli spazi alti e stretti fra un contrafforte e l’altro erano suddivisi in più piani da soppalchi in legno, che poggiavano su mensole di travertino ancora in sito. L’accesso a questi ambienti avveniva dall’esterno, con scale e ballatoi di legno, per non indebolire i muri dei contrafforti perforandoli con porte.

Gli ambienti erano intonacati e il muro di fondo verso il terrapieno è doppio, in modo da creare un’intercapedine che li proteggeva dall’umidità. I pavimenti erano in opus spicatum con mattoncini rettangolari; vi sono latrine multiple.

ICONA CENTO CAMERELLE.png

Le Cento Camerelle

Destinazione d’uso.
Il nome si riferisce alle innumerevoli finestre degli ambienti ricavati nelle sostruzioni, che ospitavano le centinaia di schiavi, servitori e soldati della Villa. La destinazione servile è provata dalla modestia della decorazione, dalla presenza di latrine multiple e dalla strada basolata: portava ai percorsi sotterranei di servizio che raggiungevano le fornaci delle Grandi e Piccole Terme.

VEDI: Marina De Franceschini, Villa Adriana. Mosaici, pavimenti, edifici. Roma 1991, pp. 202-204 e 492-497.



Villa Adriana - Progetto Accademia
©2023-24 Marina De Franceschini
www.rirella-editrice.com

e-Mail: rirella.editrice@gmail.com
VILLA ADRIANA di Marina De Franceschini

Home  |   Privacy  |  Cookies  | nPress Admin


ennegitech web e social marketing
Sviluppato da E-TECH su nPress 2404