Untitled 1
VILLA ADRIANA di MARINA DE FRANCESCHINI
Responsive Flat Dropdown Menu Demo  Menu'

TERRAZZA SUPERIORE DELLE BIBLIOTECHE



Area davanti alle due Biblioteche decorata da fontane

13 – TERRAZZA SUPERIORE DELLE BIBLIOTECHE
Descrizione

A nord, verso valle. ha un lungo muro di contenimento, visibile dalla Terrazza Inferiore [n. 12] decorato da nicchie semicircolari e rettangolari alternate nelle quali erano sistemate delle statue ed era un fondale scenografico.

Al centro del muro al posto di due nicchie sono due scale che salivano dalla Terrazza Inferiore; erano un punto di accesso obbligato e dissimulato, facilmente sorvegliabile, dal quale si accedeva alla parte privata della Villa.

2010 BIBLIOTECHE TERRAZZA INFERIORE - 1.jpg

Fontana ottagonale della Terrazza Superiore

La Terrazza Superiore era sistemata a giardino e decorata da una lunga fontana che terminava con due bacini ottagonali.
Su di essa si aprivano gli ingressi della Biblioteca Greca e Biblioteca Latina [n. 14-15], in mezzo alle quali è un antico Ninfeo repubblicano che si apre sul Cortile delle Biblioteche.

Sul lato verso la Terrazza, le Biblioteche ed il Ninfeo erano uniti da un portico costruito da Adriano e pavimentato in opus sectile.

Due stretti corridoi conducevano al Cortile delle Biblioteche [n. 18] e da lì agli altri quartieri privati del Palazzo Imperiale: come di consueto un accesso dissimulato e indiretto.   
Accessibile al pubblico.


Destinazione d’uso
La terrazza con i suoi edifici era un fondale scenografico e monumentale che precedeva la parte più alta e privata della Villa, con i quartieri del Palazzo Imperiale.

Ad oriente del Teatro Marittimo si estende una serie di edifici collegati ed interdipendenti. Partendo da nord si incontra la Terrazza inferiore delle Biblioteche dalla quale un muro di contenimento decorato da nicchie per statue con due piccole scale dava accesso dissimulato e ben controllabile alla Terrazza Superiore e alle cosiddette Biblioteche Greca e Latina.

Davanti ad esse si è messa in luce una lunga fontana che terminava ad ottagono.
 Le due Biblioteche formavano una quinta scenografica e monumentale che precedeva i quartieri più interni della Villa.
L'accesso anche in questo caso non era evidente né diretto: si trattava di due stretti corridoi che fiancheggiavano il Ninfeo del Cortile delle Biblioteche, interposto fra i due edifici.

VEDI: Marina De Franceschini, Villa Adriana. Mosaici, pavimenti, edifici, 1991,  pp. 377-379.


Villa Adriana - Progetto Accademia
©2023 Marina De Franceschini
www.rirella-editrice.com

e-Mail: rirella.editrice@gmail.com
VILLA ADRIANA di Marina De Franceschini

Home  |   Privacy  |  Cookies  | nPress Admin


ennegitech web e social marketing
Sviluppato da EnnegiTech su nPress 2305